<--- ---> News: 03/04/2018 Vissuto di santità e teologia: quale rapporto?
Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA

Vissuto di santità e teologia: quale rapporto?torna su

Il 14 aprile p.v. una tavola rotonda, organizzata dal Centro FMA, presso il «Claretianum» di Roma, riflette sul Vissuto di santità e teologia. Il caso di Maria D. Mazzarello

 

L’evento, organizzato dal Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium», con il patrocinio dell’Istituto di Teologia della Vita Consacrata «Claretianum», si svolge presso la sede dello stesso Istituto a partire dalle ore 10.00.

La ricerca condotta dalla Prof.ssa Eliane Anschau Petri, neo docente di Teologia Spirituale nel Corso di Spiritualità della Facoltà, sulle testimonianze raccolte nella Copia publica del Processo di Beatificazione e Canonizzazione di Maria D. Mazzarello, offre lo spunto per una riflessione più ampia sul rapporto stretto esistente tra vissuto di santità e teologia, in particolare la teologia spirituale.

L’esperienza della confondatrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice, alla luce di una corretta lettura delle fonti che parlano di lei, si può confrontare con altre figure ecclesiali del passato che, tra l’altro, lasciano intravedere fecondi interrogativi  per vivere il presente nella coerenza tra chiamata alla vita cristiana e missione affidata a ciascuno.

Difatti, proprio la missione, secondo H. von Balthasar, configura la forma di santità e, nel caso di fondatori e fondatrici, diviene un carisma comunicato a compagni/discepoli. Per questo, l’azione dei santi canonizzati nella Chiesa non si limita alla funzione di intercessione e di esemplarità. La teologia spirituale incontra in essi una fonte primaria di sapienza cristiana e di riflessione credente. E coloro che condividono la chiamata, religiosi e consacrati, ma anche laici vicini alla stessa spiritualità, trovano punti di riferimenti per riflettere su una domanda cruciale: cosa farebbero se fossero oggi qui, al nostro posto?

Dopo i saluti delle autorità accademiche, del Prof. Xabier Larrañaga Oiarzabal, cmf, Preside dell’Istituto di Teologia della Vita Consacrata «Claretianum» e della Prof.ssa Pina Del Core, fma, Preside della Facoltà «Auxilium», la tematica viene approfondita da due relatori: il Prof. Maurizio Bevilacqua, cmf, con un relazione su "Io sono una missione su questa terra" (EG 273). Dal vissuto di santità dei fondatori ad un carisma comunicato, e dalla Prof.ssa Eliane Anschau Petri, fma, su La “missione di santità” di Maria Domenica Mazzarello.

Modera la Tavola rotonda la prof.ssa Grazia Loparco, fma, Coordinatrice del Centro Studi FMA.

 

Invito e programma
Galleria di foto

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain